2 girls 1 cup
Serena Riglietti originaria di Pavia vive e lavora a Pesaro, da circa 15 anni lavora come illustratrice di libri principalmente per l’infanzia. Ha pubblicato per varie case editrici italiane e straniere fra cui grimm press, simon e shuster, fabbri mondadori tha chien pubblishing e salani , con questi ultimi ha dato il volto italiano al celebre Harry Potter e da quel momento il maghetto più famoso del mondo è entrato nella sua storia lavorativa ……il legame con il personaggio è stato (fin da subito) inevitabile. Serena ha guardato negli occhi la sua creazione che prendeva forma e insieme si sono “raccontati” per definire con cura gli affascinanti aspetti di questa storia, che lei ha saputo “connotare” nelle sue immagini con sapiente magia.
Lavorare, maneggiare storie è per lei un fatto di testa (di fantasia) ma allo stesso tempo di mano….una mano che si innesca/che si lascia andare sul foglio e la SUA MATITA da vita a morbidi personaggi che sembrano essere sempre pronti a farsi portare via dal vento.

In tanti personaggi troviamo parti della sua anima, ironia e paura insieme (l’ironia nella paura è possibile?..con Serena si.)

Il suo lavoro ha seguito di pari passo la sua vita i suoi figli sono entrati nelle sue immagini, magari a far compagnia ha diversi personaggi a volte un po’ troppo soli, o comunque irrequieti sempre alla ricerca di compagni di gioco.

La musica che ascolta accompagna i mondi da lei creati dando musicalità ai personaggi.che lei dirige come il maestro di un orchestra al passo di un ritmo armonico

Non a caso ha realizzato lavori (copertine) di cd musicali:

I suoi riferimenti, estetici e umani, sono scelti da/con un animo sottile (da Pippicalzelunnghe, grazie alla quale ha scoperto la serendipità sin dalla sua prima adolescenza, al cupo negiogotico della pittura fiamminga.

Ha condotto svariati laboratori per bambini (dai più semplici ai più complessi)e al momento insegna all’Accademia di belle arti di Urbino.

Non ha ancora disegnato il libro della sua vita, quello dopo il quale “…ci si può anche fermare” quindi vedrete ancora molte sue opere in giro per le librerie italiane e nel mondo…..

Mirka Pretelli