2 girls 1 cup
C’è che trova noioso leggerli e c’è chi spende fino all’ultimo centesimo per averne il più possibile. C’è chi li usa come ‘regalo sempre gradito dell’ultima ora’ e chi li considera una sana abitudine. C’è chi se li compra per arredare la casa e chi, la domenica mattina, ama passare in rassegna i dorsi di tutti quelli che possiede. C’è chi li ha messi in tante teche di vetro e chi ad un certo punto ha dovuto venderli. C’è chi non li ha mai presi in considerazione se non per pensare che forse, un giorno, potrebbe scrivere il libro della sua vita (!). C’è chi appena li apre ci ficca il naso dentro e chi ogni tanto scopre in un libro quel certo pensiero che gli frullava nella testa da un pezzo, ma che non sapeva descrivere a parole.

C’è chi ha imparato ad amarli fin da bambino e sicuramente qualcosa c’ha guadagnato.

Serena Riglietti